Una conoscenza superficiale dell’argomento o un uso improprio della lingua, ma quanta confusione si fa tra tagliando o revisione auto! Spesso i due termini sono usati come sinonimi, mentre in realtà si tratta di due operazioni diverse. A partire dal fatto che la revisione è obbligatoria per legge, mentre il tagliando no. Vediamo insieme quali sono le differenze.

Il tagliando: un controllo per un’auto sempre al top

Il tagliando è un controllo periodico consigliato dalla casa automobilistica per assicurare al cliente che la vettura, anche con il passare degli anni, abbia prestazioni sempre ottimali. Per ottenere ciò non è sufficiente il semplice controllo ai liquidi o la sostituzione della cinghia di distribuzione dopo un certo quantitativo di chilometri percorsi. Vanno invece controllate tutte le componenti del veicolo, soprattutto quelle parti più soggette a usura.


Attenzione alla tempistica e alla scelta dell’officina

La casa automobilistica fornisce delle indicazioni sulla periodicitàcon la quale conviene fare il tagliando, ma non vi è una regola fissa. Generalmente vengono presi in considerazione i chilometri fatti o, se l’uso dell’auto non è frequente, un arco temporale. Grazie alla tecnologia oggi le auto indicano in automatico quando è il momento di andare in officina per un controllo tenendo conto anche dello stile di guida del conducente.

Scegliendo un’officina autorizzata non solo si hanno dei vantaggi sulla garanzia (al termine si ha una certificazione con gli interventi effettuati), ma si ha anche la certezza di affidare la propria auto a meccanici specializzati per i quali quel modello non ha segreti e di avere solo ricambi originali. Sicuramente da evitare è, invece, il fai da te.


Cosa controlla il meccanico

Il controllo in occasione del tagliando comprende sia la parte meccanica sia gli impianti di cui è dotato il veicolo. Il meccanico controlla i vari fluidi (liquido del radiatore, olio motore, liquido dei freni, liquido per la pulizia dei vetri, liquido refrigerante) e provvede al loro eventuale rabbocco; sostituisce in caso di necessità i filtri (olio, aria, abitacolo, carburante); controlla gli pneumatici (pressione, convergenza); verifica lo stato delle candele e l’efficienza delle varie parti (sterzo, sistema frenante, marmitta, ammortizzatori, sospensioni, climatizzatore). A seconda del chilometraggio fatto, il libretto dell’auto può prevedere la sostituzione di alcune parti soggette ad usura.



Revisione: una certificazione per la sicurezza

La revisione auto è un controllo periodico stabilito dalla legge. Esso è obbligatorio e se non viene eseguito si è sottoposti a sanzioni. Lo scopo della revisione è garantire la sicurezza di chi si trova sulla rete stradale, assicurando che i veicoli che vi circolano siano atti a ciò.


Ogni quanto va fatta

Se si compra un’auto nuova la revisione va fatta per la prima volta dopo quattro anni dall’immatricolazione e successivamente ogni due; se l’auto acquistata è invece usata la revisione va fatta direttamente ogni due anni. Scadenza biennale anche nel caso di auto d’epoca o di interessante storico.

La revisione va fatta entro il mese di rilascio della carta di circolazione o dell’ultimo controllo di revisione eseguito.


Dove fare la revisione

La revisione può essere fatta presso una sede della Motorizzazione Civile o presso un’officina autorizzata dal ministero dei Trasporti. Nel primo caso bisogna effettuare la prenotazione presentando un apposito modulo di richiesta e il pagamento di una tassa, nel secondo basta accordarsi con l’officina.


I possibili responsi della revisione

Dal 31 marzo 2019, se l’auto risulta idonea alla revisione l’officina rilascia il certificato di revisione che comprende i dati del veicolo e dell’ispettore responsabile del controllo, l’esito dei controlli effettuati e i chilometri effettivi al momento del controllo.

Se l’auto risulta non idonea si possono verificare tre diversi scenari. Quando una o più prove non vengono superate, la revisione è da ripetere e vi sono 30 giorni per effettuare le riparazioni necessarie prima del nuovo controllo. Quando i guasti sono ritenuti troppo pericolosi per la sicurezza generale, la revisione viene dichiarata da ripetere con sospensione dalla circolazione. In questi due casi la nuova revisione deve essere pagata di nuovo. Quando i guasti sono di entità minima, invece, la revisioneè dichiarata “sospeso interno”: prima della sua conclusione vengono eseguite le dovute operazioni per risolvere le piccole criticità riscontrate.



Cosa controlla la revisione

Durante la revisione si procede all’identificazione del veicolo attraverso targa e telaio e poi si controllano l’impianto frenante, lo sterzo, i vetri, l’impianto elettrico, il telaio e la sicurezza dei dispositivi. Viene eseguito un controllo anche dei gas di scarico inquinanti.

Occhio alla multa

Circolare con un’auto che non è stata sottoposta a revisione comporta una multa che va da 155 euro a 625 euro. Se la trasgressione viene riscontrata in autostrada, allora, l’auto viene sottoposta a fermo amministrativo che viene revocato con la prenotazione della revisione. In caso di reiterazione della trasgressione si arriva alla confisca della vettura.

Che tu debba far fare il tagliando alla tua auto o sottoporla a revisione affidati a De Togni Auto. Avrai la garanzia di controlli accurati, che saranno eseguiti dal nostro personale altamente qualificato con strumentazioni più moderne. Inoltre presso il nostro centro si eseguono anche revisioni per motocicli.

Ci troviamo a Zevio (Verona) in Via Carducci 52.

Ricordati però di fissare il tuo appuntamento in officina, chiamando lo 045.545922 o scrivendo a officina@detogniauto.it; Per la vendita nuovo e usato scrivi pure a info@detogniauto.it; Siamo a tua disposizione anche per preventivi e richiesta di informazioni.